Newwave Media srl

Approfondimenti

Tour Deserto Marocco

Dove, come, quando: consigli pratici per affrontare questo tour

TOUR DESERTO MAROCCO: QUALI SONO I “DESERTI”

 

Cominciamo con il dire che il Deserto è uno solo, il Sahara, mentre le zone desertiche del Marocco sono 3:

 

  • il Sahara Occidentale, a Sud del Marocco e che confina con la Mauritania e il Sud dell’Algeria; il centro principale del Sahara Occidentale è Dakhla e dista da Marrakech, circa 1400 km in linea d’aria e circa 1650 km su percorso stradale. Le dune sono bellissime, terminano sul mare, dove gli appassionati di sport acquatici, si divertono a cavalcare le onde dell’Oceano.

 

  • l’Erg-Chebbi, ovvero la formazione di Dune che si trovano a Merzouga; dista circa 560 km da Marrakech e 460 km da Fes. Una zona desertica stupenda, caratterizzata dalle Grandi Dune Arancioni.

 

  • l’Erg-Chegaga, ovvero la formazione di Dune che si trovano a M’Hamid; dista circa 530 km da Marrakech e circa 740 Km da Fes. Anche in questo caso, la zona desertica è molto bella; anche qui si trovano le Grandi Dune Arancioni.

 

Nota bene: Utilizziamo come punto di riferimento di partenza, Marrakech e Fes, perché sono le città imperiali dalle quali normalmente partono i tour.

Le distanze da Rabat, Casablanca, Tangeri, Agadir (dove sono presenti alcuni dei principali aeroporti), sono ancora più importanti.

 

Alle 3 zone desertiche di qui sopra, aggiungiamo due località che non sono deserto, ma sono meta di molti viaggiatori che, non avendo molto tempo a disposizione, optano per un assaggio di un paesaggio isolato e raccolto. Parliamo di Zagora e Agafy.

Zagora dista circa 400 km da Marrakech, mentre Agafy si trova a circa 30/40 minuti da Marrakech.

TOUR DESERTO MAROCCO: ERG-CHEBBI DA MARRAKECH

 

L‘Erg-Chebbi è lontano da Marrakech; sono circa 560 km (1100 km andata e ritorno se si rientra a Marrakech, poco meno se si procede per Fes) e il tempo di percorrenza è piuttosto elevato (il tragitto diretto da Marrakech a Merzouga, impegna circa 9 ore di guida).

 

ASPETTI DA VALUTARE

 

  • per raggiungere Merzouga, si deve attraversare l’Alto Altante, sono circa 4 ore di guida per valicarlo totalmente; di queste 4 ore, 2 ore abbondanti sono caratterizzate dalle curve. Consideralo se soffri il mal d’auto, soprattutto se stai pensando ad un servizio in gruppo: non potrai scegliere dove sederti, perché ci saranno altre persone con lo stesso problema.

 

  • Non c’è autostrada; il percorso ha una buona manutenzione ma da alcuni anni sono in corso dei lavori stradali sull’Alto Atlante, che comportano la presenza di moltissimi cantieri che rallentano il viaggio; il resto del manto stradale è asfaltato, ma il percorso di guida è impegnativo; è bene non distrarsi, sia per le tante curve, sia per i controlli di polizia, sia per la possibilità di trovare degli impedimenti per i fiumi che attraversano il percorso e che nei periodi più piovosi spesso esondano. In inverno può capitare di trovare il passo del Tickha chiuso per neve.

 

  • Non è una visita da svolgersi in giornata (andata e ritorno); è necessario dedicare a questa meta il giusto tempo. Normalmente è indicato in 3 giorni / 2 notti, ma considerala una durata minima, dal ritmo serrato, che non lascia molto spazio alle visite.

 

  • Se decidi di fare rientro a Marrakech, la durata minima che noi consigliamo è di 4 giorni / 3 notti, così da poter visitare con calma le due Vallate che precedono il Deserto: la Valle del Dades e la Valle del Draa. Questa durata (o superiore) è particolarmente suggerita in presenza di minori che risentono particolarmente delle distanze.

 

L’itinerario che da Marrakech porta a Merzouga, con rientro a Marrakech, è sicuramente il più completo ed interessante, proprio perché permette di percorrere le due vallate menzionate.

 

La meta è molto gettonata, immaginare di arrivare nel Deserto e vivere un’esperienza in solitaria, soprattutto in periodi di grande afflusso, è pura utopia, ciò nonostante, si tratta di una visita fuori dal comune, i paesaggi sono sicuramente diversi rispetto a quanto sei abituato ad incontrare ogni giorno nel tuo Paese, e la meraviglia che il Deserto suscita è assicurata.

L’Erg-Chebbi è caratterizzato dalle dune più alte, rispetto a quelle dell’Erg-Chegaga. Talune delle dune di Merzouga, raggiungono i 150 mt. di altezza.

 

La meta non presenta aspetti di pericolosità, né dal punto di vista della sicurezza, né per quanto riguarda malattie ed animali.

 

CURIOSITA’

In tanti ci chiedete che differenza c’è tra Erg-Chebbi e Merzouga: parliamo dello stesso posto, ma Merzouga è il “capoluogo” delle Dune; l’Erg-Chebbi è la formazione dunosa che circonda Merzouga. Erg vuol dire esattamente “formazione dunosa”.

 

Per avere un’idea dell’itinerario, delle località da visitare, ti invitiamo a raggiungere questo link: “Tour Deserto Marocco & Alto Atlante: 5 giorni“. Per richiedere un preventivo, contattaci.

TOUR DESERTO MAROCCO: ERG-CHEBBI DA FES

 

L‘Erg-Chebbi è lontano anche da Fes; sono circa 460 km (920 andata e ritorno se si rientra a Fes, circa 1020 km se si termina a Marrakech) e il tempo di percorrenza anche in questo caso è piuttosto elevato (il tragitto diretto da Fes a Merzouga, impegna circa 7 ore di guida).

 

ASPETTI DA VALUTARE

 

  • per raggiungere Merzouga, si attraversa il Medio Atlante; è meno impegnativo dell’Alto Atlante, ma si tratta pur sempre di strade di montagne che impegnano una lunga parte del viaggio. Consideralo se soffri il mal d’auto, soprattutto se stai pensando ad un servizio in gruppo: non potrai scegliere dove sederti, perché ci saranno altre persone con lo stesso problema.

 

  • Non c’è autostrada; il percorso ha una buona manutenzione ma è bene non distrarsi, sia per le tante curve, sia per i controlli di polizia; in inverno, può capitare di trovare i passi chiusi nei pressi di Ifrane e Azrou, per via della neve.

 

  • Non è una visita da svolgersi in giornata (andata e ritorno); è necessario dedicare a questa meta il giusto tempo. Se rientri a Fes, la durata minima da considerare è di 2 giorni / 1 notte; se termini l’itinerario a Marrakech, la durata minima consigliata è di 3 giorni / 2 notti.

 

L’itinerario Fes / Merzouga / Fes può risultare ripetitivo perché si percorre lo stesso itinerario sia in andata che al ritorno; se termini l’itinerario a Marrakech, risulta decisamente più interessante.

 

Per avere un’idea dell’itinerario e delle località da visitare, ti invitiamo a raggiungere questo link: “Tour Deserto Merzouga da Fes: 3 giorni“. Per richiedere un preventivo, contattaci.

TOUR DESERTO MAROCCO: ERG-CHEGAGA DA MARRAKECH

 

L‘Erg-Chegaga è altrettanto lontano da Marrakech; sono circa 530 km (1060 km andata e ritorno su Marrakech) e il tempo di percorrenza è piuttosto elevato (il tragitto diretto da Marrakech a Chegaga, impegna circa 9 ore di guida).

Anche l’Erg-Chegaga è caratterizzato da grandi dune arancioni.

 

ASPETTI DA VALUTARE

 

  • per raggiungere Chegaga, si deve attraversare l’Alto Altante, sono circa 4 ore di guida per valicarlo totalmente; di queste 4 ore, 2 ore abbondanti sono caratterizzate dalle curve. Consideralo se soffri il mal d’auto, soprattutto se stai pensando ad un servizio in gruppo: non potrai scegliere dove sederti, perché ci saranno altre persone con lo stesso problema.

 

  • Non c’è autostrada; il percorso ha una buona manutenzione fino a M’Hamid. Da alcuni anni sono in corso dei lavori stradali sull’Alto Atlante, che comportano la presenza di moltissimi cantieri che rallentano il viaggio. Da M’Hamid a Chegaga si percorre un fuori-pista per il quale è necessario utilizzare un fuoristrada e soprattutto la presenza di un Professionista del posto. Per richiedere un preventivo, contattaci.

 

  • Non è una visita da svolgersi in giornata (andata e ritorno); è necessario dedicare a questa meta il giusto tempo. Normalmente la durata suggerita è di 3 giorni / 2 notti, ma considerala una durata minima, dal ritmo serrato, che non lascia molto spazio alle visite.

 

La meta è meno richiesta rispetto a Merzouga, sia per le difficoltà per raggiungerla, sia per una questione di costi.

In questa parte dell’Erg l’acqua è presente in minore quantità ed è anche più “dura”, questo comporta il trasporto delle botti d’acqua che incidono sul prezzo dei servizi.

 

Detto questo, l’Erg-Chegaga è caratterizzato dalle dune più estese, rispetto a quelle dell’Erg-Chebbi.

Parliamo comunque di paesaggi paritetici, stessi colori, stessa bellezza.

 

La meta non presenta aspetti di pericolosità, né dal punto di vista della sicurezza, né per quanto riguarda malattie ed animali.

 

Per avere un’idea dell’itinerario e delle località da visitare, ti invitiamo a raggiungere questo link; in questo caso è un esempio un po’ più ampio: “Tour da Marrakech ai due Erg – Merzouga e Chegaga“. Per richiedere un preventivo, contattaci.

TOUR DESERTO MAROCCO: ERG-CHEGAGA DA FES

 

Fes e l‘Erg-Chegaga sono separate da tantissimi chilometri, non è dunque pensabile di organizzare una tappa diretta da una località all’altra.

 

ASPETTI DA VALUTARE

 

  • considera di dividere il viaggio in 3/4 giornate prima di arrivare a Chegaga.

 

  • Non c’è autostrada e da M’Hamid a Chegaga si percorre un fuori-pista per il quale è necessario utilizzare un fuori-strada e soprattutto la presenza di un Professionista del posto. Per richiedere un preventivo, contattaci.

TOUR DESERTO MAROCCO: DA MARRAKECH A ZAGORA

 

Impropriamente definito “Deserto”, il pianoro di Zagora dista 400 km circa da Marrakech (800 km andata e ritorno) e il tempo di percorrenza è di circa 6 ore.

La caratteristica principale di questa Vallata è la presenza di un enorme palmeto, oltre il quale si staglia una zona brulla, dove è presente un pianoro sabbioso.

Meno suggestivo dei due Erg piuttosto che il Sahara Occidentale, offre comunque la possibilità di trascorrere una notte sotto il cielo stellato.

 

ASPETTI DA VALUTARE

 

  • per raggiungere Zagora, si deve attraversare l’Alto Altante, sono circa 4 ore di guida per valicarlo totalmente; di queste 4 ore, 2 ore abbondanti sono caratterizzate dalle curve. Consideralo se soffri il mal d’auto, soprattutto se stai pensando ad un servizio in gruppo: non potrai scegliere dove sederti, perché ci saranno altre persone con lo stesso problema.

 

  • Non c’è autostrada; il percorso ha una buona manutenzione ma da alcuni anni sono in corso dei lavori stradali sull’Alto Atlante, che comportano la presenza di moltissimi cantieri che rallentano il viaggio; il resto del manto stradale è asfaltato; è bene non distrarsi, sia per le tante curve, sia per i controlli di polizia. In inverno può capitare di trovare il passo del Tickha chiuso per neve.

 

  • Non è una visita da svolgersi in giornata (andata e ritorno); la durata minima suggerita è di 2 giorni / 1 notte.

 

Zagora è molto frequentata, sia per la vicinanza, sia perché si tratta di una meta economica, raggiunta dai tanti tour condivisi.

 

La meta non presenta aspetti di pericolosità, né dal punto di vista della sicurezza, né per quanto riguarda malattie ed animali.

 

Per avere un’idea dell’itinerario e delle località da visitare, ti invitiamo a raggiungere questo link: “Tour Deserto Marocco: 2 giorni da Marrakech a Zagora“. Per richiedere un preventivo, contattaci.

TOUR DESERTO MAROCCO: DA MARRAKECH AD AGAFY

 

In assoluto un “non deserto”, la località si trova non lontana da Marrakech. Qui si è sviluppato un turismo orientato “all’ecologia”, particolarmente apprezzato dai francesi.

 

Può essere raggiunta in giornata con una escursione.

 

Ad Agafy è possibile trascorrere la notte in un accampamento, svolgere un trekking in dromedario, oppure in quad.

 

La meta non presenta aspetti di pericolosità, né dal punto di vista della sicurezza, né per quanto riguarda malattie ed animali.

 

Per avere un’idea dell’itinerario, ti invitiamo a raggiungere questo link: “Escursione ad Agafy“. Per richiedere un preventivo, contattaci.

TOUR DESERTO MAROCCO: SAHARA OCCIDENTALE

 

Il Sahara Occidentale si trova nella zona più a Sud del Marocco, al confine con la Mauritania e con il Sud dell’Algeria.

Per questo itinerario è suggerito dedicare molto tempo.

Si può raggiungere in Aereo da Casablanca con volo diretto della R.A.M. (Royal Air Maroc); in auto vanno considerati 2/3 giorni di viaggio (a seconda del ritmo che vuoi darti).

 

ASPETTI DA VALUTARE

 

  • Trattandosi di una località lontana dagli itinerari turistici classici, si suggerisce la visita di questa zona, dopo aver conosciuto i luoghi di maggiore interesse.

 

  • La località è particolarmente indicata per chi svolge sport acquatici.

 

  • Se viaggi in auto, considera di subire controlli di polizia continui; è suggerito portare più copie del passaporto, che vengono richieste dalle pattuglie che si incontrano lungo il cammino.

 

CAUTELA

 

Il sito “Viaggiare Sicuri” a proposito di questa parte del Paese, scrive quanto segue: “Si sconsigliano i viaggi non indispensabili a Dakhla e Laayoune (dove in passato si sono verificati disordini) e si sconsigliano viaggi a qualsiasi titolo nel resto della regione del Sahara Occidentale, in particolare ad est della linea del “Berm” (dove il controllo del territorio da parte delle autorità è assai limitato) ed alla frontiera meridionale con la Mauritania, sia per il perdurare di controversie territoriali con il Fronte Polisario, sia perché possono ripetersi disordini, sia per la presenza di campi minati. Al riguardo, l’attraversamento dell’area di 4 km tra il confine marocchino (Guerguerat) e la frontiera mauritana (PK55 Nouadhibou) puo’ essere reso talvolta molto difficile a causa dei blocchi del traffico dovuti a manifestazioni di varia natura, raramente violente. I veicoli che cercano di attraversare questo tratto possono trovarsi immobilizzati in tale zona per una durata di tempo indeterminata”.

 

In passato sicuramente raggiungere la località era più impegnativo, oggi lo è meno, ma è doveroso riportare questo avviso che in parte condividiamo.

 

Per valutare una proposta di tour personalizzato, contattaci.

DESERTO MAROCCO: QUANDO ANDARE – IL METEO

 

Il Deserto del Marocco puoi visitarlo tutto l’anno, basta prepararsi ad affrontarlo. Qui trovi una indicazione mese per mese. Considera però che i cambiamenti climatici si fanno sentire anche in Marocco, quindi ogni annata è a sé. Queste sono indicazioni di massima.

 

DESERTO MAROCCO: GENNAIO

·         Il clima a gennaio è invernale. Le temperature possono essere molto rigide, dipende dalle nevicate sulla catena dell’Atlante che determinano il clima delle zone circostanti. Durante le ore centrali le temperature possono essere gradevoli, mentre sono fredde le temperature serali e al mattino. Temperature sopra la media debbono intendersi una eccezione e non una regola. Ti suggeriamo quindi abbigliamento invernale e qualche maglia più leggera in caso di temperature più gradevoli. La notte in accampamento è fredda, si suggerisce abbigliamento termico

 

DESERTO MAROCCO: FEBBRAIO

·         Il clima a febbraio è invernale. Le temperature possono essere molto rigide, dipende dalle nevicate sulla catena dell’Atlante che determinano il clima delle zone circostanti. Durante le ore centrali le temperature possono essere gradevoli, mentre sono fredde le temperature serali e al mattino. Temperature sopra la media debbono intendersi una eccezione e non una regola. Ti suggeriamo quindi abbigliamento invernale e qualche maglia più leggera in caso di temperature più gradevoli. La notte in accampamento è fredda, si suggerisce abbigliamento termico

 

DESERTO MAROCCO: MARZO

·         Il clima a marzo è sempre un’incognita, tutto dipende da quando terminano le nevicate sulla catena dell’Atlante. Le giornate sono caratterizzate dal sole, durante le ore centrali le temperature possono essere calde e la sera e al mattino fredde: si suggerisce quindi abbigliamento misto (per il freddo e per il caldo) e di controllare una App meteo prima della partenza. La notte in accampamento può essere fredda, si suggerisce di portare una felpa o una tuta.

 

DESERTO MAROCCO: APRILE

·         Il clima ad aprile è normalmente primaverile; le giornate sono calde, più fresche la sera e al mattino. Gli sbalzi repentini di temperatura vanno messi in conto, pertanto accanto ad abbigliamento estivo, si suggerisce di portare un indumento a maniche lunghe (felpa o antipioggia). In accampamento può essere necessario indossare il piagiama.

 

DESERTO MAROCCO: MAGGIO

·         Il clima a maggio è normalmente estivo; le giornate sono calde, più fresche la sera e al mattino. Gli sbalzi repentini di temperatura vanno messi in conto, pertanto accanto ad abbigliamento estivo, si suggerisce di portare un indumento a maniche lunghe (felpa o antipioggia). Le notti in accampamento sono generalmente piacevoli.

 

DESERTO MAROCCO: GIUGNO

·         Il clima a giugno è normalmente estivo; le giornate sono calde così come le notti. Gli sbalzi repentini di temperatura vanno messi in conto, pertanto accanto ad abbigliamento estivo, si suggerisce di portare un indumento a maniche lunghe (felpa o antipioggia). Le notti in accampamento sono calde.

 

DESERTO MAROCCO: LUGLIO

·         Il clima a luglio è molto caldo, le temperature toccano normalmente i 40/45 gradi, ma il clima è secco, sopportabile. La possibilità di escursione termica durante la notte è molto alta, si suggerisce quindi di portare un indumento a maniche lunghe, per qualunque necessità.

 

DESERTO MAROCCO: AGOSTO

·         Il clima ad agosto è molto caldo, le temperature toccano normalmente i 40/45 gradi, ma il clima è secco, sopportabile. La possibilità di escursione termica durante la notte è molto alta, si suggerisce quindi di portare un indumento a maniche lunghe, per qualunque necessità.

 

DESERTO MAROCCO: SETTEMBRE

·         Il clima a settembre è normalmente estivo, con temperature calde durante il giorno, più fresche la sera e al mattino. Gli sbalzi repentini di temperatura vanno messi in conto, pertanto si suggerisce di portare un indumento a maniche lunghe, per qualunque necessità.

 

DESERTO MAROCCO: OTTOBRE

·         Il clima a ottobre è normalmente ancora caldo, con temperature piacevoli durante il giorno, più fresche la sera e al mattino. Gli sbalzi repentini di temperatura vanno messi in conto, pertanto si suggerisce abbigliamento misto e una felpa o un anti-pioggia.

 

DESERTO MAROCCO: NOVEMBRE

·         Il clima a novembre è sempre un’incognita, tutto dipende da quando iniziano le nevicate sulla catena dell’Atlante. In linea generale, la prima quindicina è più calda della seconda metà di novembre. Le giornate sono caratterizzate dal sole, ma la temperatura può essere gradevole come fredda: si suggerisce quindi abbigliamento misto (per il freddo e per il caldo) e di controllare una App meteo prima della partenza. La notte in accampamento può già essere fredda, si suggerisce di portare una felpa o una tuta.

 

DESERTO MAROCCO: DICEMBRE

·         Il clima a dicembre è invernale. Le giornate sono generalmente caratterizzate da cielo sereno, temperature che possono essere piacevoli nelle ore centrali, fredde la sera e al mattino. Giornate molto calde devono considerarsi una eccezione e non la normalità. Si suggerisce di portare abbigliamento invernale e qualcosa di più leggero per i momenti più caldi. Le notti nel deserto sono fredde: si suggerisce di indossare abbigliamento termico.

DESERTO MAROCCO: COME ARRIVARE

 

1. Per raggiungere Merzouga da Marrakech, hai 4 possibilità di trasporto:

 

  • con gli autobus della Supratours (trasporto pubblico): il costo del trasporto è irrisorio, ma il mezzo è assolutamente non adatto alla scoperta; il bus impiega 12 ore di viaggio (parte la mattina presto da Marrakech e rientra al mattino presto da Merzouga), non effettua fermate di tipo turistico.
  • con auto a noleggio: fattibile ma arrivati a destinazione, è necessario il supporto di una struttura locale. E’ necessario guidare con prudenza, per le motivazioni già elencate. Può mancare il rapporto con la popolazione locale.
  • con tour di gruppo: il costo è modesto, così come i servizi offerti. Trasporto non curato, strutture di basso livello, nessun supporto nella visita delle localitàNOTA BENE: post-covid non sappiamo come verranno svolti questi servizi. Non sono ancora state stilate le regole per il distanziamento in viaggio condiviso.
  • con tour privato: è certamente la soluzione che consente di vivere una esperienza più autentica.

 

2. Per raggiungere Merzouga da Fes, hai 4 possibilità di trasporto:

 

  • con gli autobus della Supratours (trasporto pubblico): il costo del trasporto è irrisorio, ma il mezzo è assolutamente non adatto alla scoperta; il bus impiega 10 ore di viaggio (parte la sera da Fes e viaggia tutta la notte; l’arrivo a Merzouga è all’alba, quando il villaggio ancora dorme; riparte da Merzouga la sera per arrivare all’alba a Fes), non effettua fermate di tipo turistico.
  • con auto a noleggio: vedi sopra (1)
  • con tour di gruppo: vedi sopra (1)
  • con tour privato: vedi sopra (1)

 

3. Per raggiungere Chegaga da Marrakech, hai 3 possibilità di trasporto:

 

  • con auto a noleggio: vedi sopra. A M’Hamid è necessario farsi accompagnare da un Professionista locale
  • con tour di gruppo: vedi sopra (1)
  • con tour privato: vedi sopra (1)

 

4. Per raggiungere Zagora da Marrakech, hai 3 possibilità di trasporto:

 

  • con auto a noleggio: vedi sopra (1)
  • con tour di gruppo: vedi sopra (1)
  • con tour privato: vedi sopra (1)

 

5. Per raggiungere Agafy da Marrakech, hai 3 possibilità di trasporto:

 

  • con auto a noleggio: vedi sopra (1)
  • con escursione di gruppo: vedi sopra (1)
  • con escursione privata: vedi sopra (1)

 

6. Per raggiungere il Sahara Occidentale, è suggerito spostarsi in Aereo.

 

Con molto tempo a disposizione (non meno di 20/30 giorni), è possibile spostarsi con bus (trasporto pubblico); se il tempo è limitato ma non brevissimo, puoi optare per l’auto a noleggio o per un tour privato (scelta consigliata perché la guida è molto impegnativa).

Per richiedere un preventivo, contattaci.

 

DESERTO MAROCCO: COME VESTIRSI E COSA PORTARE

 

Per un Tour del Deserto, hai bisogno di abbigliamento comodo: non serve abbigliamento tecnico, ma la comodità dovrebbe essere in cima alla tua scelta.

 

ABBIGLIAMENTO NEL DESERTO – PERIODI FREDDI

 

  • Piumino o giacca pesante: è indispensabile. Può fare caldo durante il giorno, il piumino lo puoi lasciare in auto, ma come spesso accade, hai bisogno di questo indumento per ripararti dal freddo.
  • Maglie a maniche lunghe, meglio se calde, felpate; in caso di temperature più calde, ma che non permettono di spogliarsi completamente, salvano da temperature insidiose.
  • Pantaloni lunghi per uomini e donne. I jeens vanno sempre bene. Le gonne e i vestiti sono meno indicati, perché ingombranti per il tipo di attività che si svolgono durante il tour. Dipende molto dalle tue abitudini, ma tendenzialmente i pantaloni sono più indicati.
  • Scarpe: chiuse, comode. Non servono scarpe tecniche a meno che tu non abbia programmato un trekking in montagna lungo il tragitto nelle valli.
  • Cappello, sciarpa, guanti.

ABBIGLIAMENTO NEL DESERTO – PERIODI CALDI

 

  • Una felpa, o un anti-pioggia, per ogni evenienza. Sempre meglio lasciarlo in auto ma averlo a portata di mano quando l’escursione termica si fa sentire.
  • Maglie a maniche corte e canottiere vanno benissimo. Un foulard può essere utile per affrontare l’aria condizionata dei locali.
  • Pantaloni lunghi leggeri o pantaloni corti, per uomini e donne. Gonne e vestiti comodi possono tranquillamente sopperire ai pantaloni.
  • Scarpe: se patisci il caldo, è preferibile optare per sandali tecnici, da passeggio (con la para in gomma, perché spesso di cammina su terreni accidentati); se il caldo non ti disturba, vanno bene anche le scarpe da ginnastica. Non servono scarponcini, a meno che tu non abbia programmato un trekking in montagna lungo il tragitto nelle valli.

COSA PORTARE

 

  • prima di tutto uno zaino dove riporre le cose di cui hai bisogno maggiormente (cellulare, macchina fotografica, l’acqua, ecc.), oppure oggetti che vuoi custodire (passaporto, portafoglio, chiavi, ecc.).
  • gli occhiali da sole
  • durante l’estate, un cappello
  • durante l’estate, la crema protettiva
  • non servono spray per la puntura di insetti (zanzare in particolare), fatta eccezione per il periodo di raccolta dei datteri (settembre/ottobre) quando mosche e zanzare fanno la loro comparsa
  • se hai i capelli lunghi, porta un laccio per legare i capelli
  • un ventaglio
  • per dormire in accampamento, verifica con la struttura se è presente la biancheria per la notte; i nostri viaggiatori non devono portare nulla perché in accampamento trovano lenzuola e coperte
  • per il bagno, verifica con la struttura se è presente la biancheria e se offrono altri servizi; i nostri viaggiatori non devono portare nulla perché in struttura trovano gli asciugamani; nelle strutture di categoria superiore, anche il phon
  • le medicine di base (paracetamolo, antibiotico ad ampio spettro, imodium, antistaminico in crema per puntura di insetti)
  • Scarica una App Torcia sul cellulare, per qualunque evenienza
  • Nel tour privato le valigie viaggiano con te e quando arrivi nel deserto, mentre tu entri in accampamento, l’autista porta i bagagli in accampamento.

DESERTO MAROCCO: ANIMALI E INSETTI

 

Come tutti i luoghi naturalistici, non mancano animali ed insetti.

 

Quali sono gli incontri che potresti fare? Ne elenchiamo alcuni:

 

  • gli scarafaggetti del deserto; non sono belli ma sono innocui. Generalmente se ti incontrano cambiano strada. Li riconosci perché sono tutti neri e cicciottelli.
  • gatti: pochi ma si trovano. Sono animali che vivono in libertà, è preferibile non accarezzarli
  • cani: pressoché inesistenti nel Deserto. In ogni caso evita il contatto perché la rabbia è diffusa
  • volpi del deserto: è improbabile che tu possa incontrarle; è più facile che ti vengano mostrate dai bambini del deserto che le tengono a casa come animali da compagnia
  • scorpioni: è possibile si trovino nel deserto. Generalmente stanno lontani dagli agglomerati urbani. Ma tieni gli occhi aperti.
  • serpenti: sono presenti ma girano alla larga dagli uomini. Potresti però incrociare le sue orme. Occhi aperti.
  • sand-fish: difficili da incontrare ma sono del tutto innocui
Sand-Fisch

DESERTO MAROCCO: DOVE DORMIRE

 

Le possibilità di pernottamento sono diverse: andiamo ad analizzarle tutte.

 

Segnaliamo subito una nota importante: gli accampamenti – tutti senza eccezione – non sono strutturati per accogliere persone in carrozzella.

DORMIRE CON I NOMADI NEL DESERTO

 

È una scelta indicata esclusivamente per viaggiatori che accettano di vivere una esperienza wild, priva di qualunque comfort.

Dormire con i nomadi, significa condividere gli spazi della famiglia ospitante, rinunciare al bagno (i bisogni si fanno all’aperto) e rinunciare alla doccia.

Per questo tipo di esperienza hai bisogno del nostro appoggio, perché raggiungere in autonomia le famiglie così come comunicare con loro è praticamente impossibile.

Contattaci per richiedere informazioni.

ACCAMPAMENTI LOW-BUDGET NEL DESERTO

 

Strutture Turistiche utilizzate principalmente dalle organizzazioni di Tour in Gruppo, offrono servizi di pernottamento condivisi, servizi igienici esterni in comune, docce senza acqua calda, esterne e in comune.

Post-Covid19 non sappiamo se queste strutture potranno continuare ad operare e con quali regole, considerato che il Governo sta stilando le norme di igiene e sicurezza che dovranno essere rispettate.

Aggiorneremo l’articolo non appena si conosceranno le disposizioni.

ACCAMPAMENTI “STANDARD” NEL DESERTO

 

Definiti anche “bivacchi” o “bivouac“, si tratta di strutture spartane ma non prive di fascino. Offrono il servizio in mezza pensione (cena e colazione) ma ricordati di comprare l’acqua perché non è inclusa nel prezzo e spesso non si trova in accampamento.

La più parte di questo tipo di strutture, offre tende private e servizi igienici esterni, in comune.

L’entrata in accampamento viene proposta con un camel-ride, ovvero una passeggiata in dromedario.

Per spostamenti senza dromedario, concorda la modifica.

Per richiedere un preventivo, contattaci.

ACCAMPAMENTI LUXURY NEL DESERTO

 

Strutture di lusso costruite tra le dune. Offrono il servizio in mezza pensione (cena e colazione).  L’acqua è presente in accampamento, in alcuni casi è inclusa nel prezzo, in altri casi va pagata a parte.

Nella Struttura di proprietà dell’agenzia, il Luxury Oasis Camp, l’acqua è sempre inclusa nel prezzo. 

Possibilità di soggiornare in Suite climatizzate (con riscaldamento e aria condizionata).

 

Le strutture Luxury offrono tende private e servizi igienici privati (bagno e doccia con acqua calda).

L’entrata in accampamento viene proposta con un camel-ride, ovvero una passeggiata in dromedario.

Per spostamenti senza dromedario, concorda la modifica.

Per richiedere un preventivo, contattaci.

DESERTO MAROCCO: DORMIRE IN HOTEL FRONTE DUNE

 

Il Deserto è particolarmente suggestivo se lo si affronta nella natura, dormendo sotto le stelle, lontano dai centri abitati. Tuttavia ci sono necessità che vanno considerate:

  • viaggiatori che soffrono di claustrofobia
  • viaggiatori che hanno necessità di trovarsi vicini ad un centro abitato perché questo li fa sentire più sicuri
  • viaggiatori che patiscono in particolar modo il freddo (in inverno si fa sentire)
  • viaggiatori che patiscono in particolar modo il caldo (le notti di luglio e agosto possono essere particolarmente impegnative)
  • viaggiatori che hanno necessità di tenere sotto carica apparecchiature medicali (in questo caso anche taluni accampamenti luxury offrono il servizio di ricarica con prese di corrente a 220v).

 

In tutti questi casi, per non rinunciare al Deserto, puoi optare per dormire in un hotel fronte dune, che ti consente di restare a contatto con la natura e al contempo ricevere i servizi di cui si necessita: stanze con finestre da dove poter osservare il centro abitato, riscaldamento in inverno, aria condizionata in estate, prese per la corrente elettrica.

DESERTO MAROCCO: COME ENTRARE IN ACCAMPAMENTO

Dromediario

Jeep

Quad o Buggy

A piedi

 

Gli accampamenti a Merzouga si trovano a varia distanza dai villaggi: taluni a pochi minuti altri fino a 2,5 Km nel cuore delle dune (gli accampamenti che si trovavano più all’interno di 2,5 km sono stati smantellati per ragioni di sicurezza, legate agli spostamenti di eventuali mezzi di soccorso quali ambulanze e camion dei pompieri). Per percorrere una distanza di 2,5 km in dromedario si impiegano dai 30 ai 40 minuti.

 

Entrare in accampamento in dromedario (in Marocco non ci sono i cammelli): è la formula più naturale, perché i dromedari formano parte dell’habitat, sono destinati al sostentamento della famiglia e vengono accuditi con tutti i crismi.

Taluni viaggiatori temono “lo sfruttamento” degli animali e desiderano preservare il paesaggio, ed optano dunque per l’entrata in accampamento con la jeep. Premesso che non vi è sfruttamento degli animali, se ti ritrovi nella descrizione di cui sopra, i mezzi più adatti per entrare in accampamento sono le proprie gambe. Camminando dietro il cammelliere, non dovrai cercare una pista e non dovrai utilizzare un mezzo di locomozione che comunque utilizza gasolio, non fiorellini, quindi inquinante.

Indubbiamente è una passeggiata molto faticosa perché camminare sulla sabbia significa sprofondare di continuo, mettendo sotto sforzo i polpacci; se lo si fa d’estate il caldo non aiuta, ma è l’unico mezzo che si può considerare naturale.

 

Entrare in accampamento in jeep: alcuni viaggiatori hanno problemi di deambulazione, altri hanno problemi di salute e il dromedario può risultare faticoso. In questo caso puoi concordare l’entrata in accampamento con la jeep.

 

Entrare in accampamento a Merzouga in Quad o Buggy: per i più avventurosi è possibile entrare e/o uscire dall’accampamento in Quad o in  Buggy. L’attività è considerata accessoria, quindi a pagamento.

Per una proposta di escursione in Quad o Buggy, contattaci.

CAPODANNO NEL DESERTO

 

Apriamo questa parentesi perché è una domanda ricorrente: “si può festeggiare il Capodanno nel Deserto?”, “che cosa si fa?”

 

La risposta alla domanda “si può festeggiare il Capodanno nel Deserto“, naturalmente è SI, si può festeggiare e per farlo considera due aspetti importanti:

  1. Occorre prenotare con largo anticipo perché le disponibilità per il 31 Dicembre sono ovviamente contingentate;
  2. Ricorda che la notte può essere molto fredda, perciò attrezzati per affrontare la notte.

 

La risposta alla seconda domanda, “cosa si fa”, si sta tutti insieme, cenando intorno al fuoco, si fa musica e ci si diverte. Una fine dell’anno insolita ma ciò nondimeno indimenticabile.

 

Per un preventivo per un Tour nel deserto a Capodanno, contattaci.

 

RICAPITOLANDO

 

  • Il Deserto del Marocco è uno solo, il Sahara, e tu puoi scegliere cosa visitare: Merzouga e/o Chegaga se cerchi le Grandi Dune Arancioni e non conosci ancora il Marocco; Zagora e Agafy se ti accontenti perché hai poco tempo a disposizione; il Sahara Occidentale se già conosci il Marocco, hai molto tempo a disposizione e vuoi fare una esperienza nuova, diversa, e magari fare anche sport acquatici
  • Il Deserto del Marocco lo puoi visitare tutto l’anno, ma considera le punte climatiche estreme: l’inverno che può essere rigido, con temperature minime che possono toccare lo zero e l’estate che invece può essere impegnativa.
  • Il Deserto del Marocco puoi raggiungerlo in vari modi, ma indubitabilmente la scelta più completa è quella di appoggiarsi ad una agenzia locale e noi siamo qui per questo 😉
  • Occhio alla fauna
  • Hai più possibilità di pernottamento nel Deserto del Marocco: la meno “autentica” è quella dei tour condivisi

 

Per tutte le informazioni aggiuntive, le proposte di tour, i chiarimenti, contattaci.

 

 

 

Utilizzando questo sito web si acconsente all'utilizzo di cookies in conformità alla nostra politica sui cookies   Ok